• Blog
  • Diritto Alla Casa
  • Degrado

    Degrado

    Inserire Cascia tra le città santuario meritevoli di sostegno

    Raccogliendo l’accorato appello del Sindaco di Cascia, del Rettore del Santuario, del Monastero di Santa Rita, del Rettore del Santuario di Roccaporena, degli operatori turistici ed economici della cittadina umbra, con Marina Sereni abbiamo ritenuto opportuno predisporre un emendamento al DL Sostegno.

    La norma attuale prevede infatti aiuti concreti per le attività che si svolgono in “città santuario” purché al di sopra dei diecimila abitanti.
    Questa definizione esclude una realtà che da sempre è meta di pellegrinaggi da tutto il mondo e la cui identità è indissolubilmente legata alla devozione verso Santa Rita.
    La pandemia ha messo in ginocchio l’intera economia del piccolo centro umbro che per questo, al pari di altre medie città italiane meta di turismo religioso, ha urgente bisogno di una attenzione particolare.

    A.S. 2144
    Emendamento
    Art. 1
    MIRABELLI

    Al comma 11, sopprimere il secondo periodo


    Motivazione:

    L'articolo 1 del decreto sostegni, al comma 11, secondo periodo, modifica l’articolo 59, comma 1, lettera a), del decreto-legge n. 104 del 2020, circoscrivendo il contributo a fondo perduto per le attività economiche e commerciali ubicate nei centri storici ai comuni con popolazione superiore a 10.000 abitanti, fermi restando gli altri requisiti circa la presenza di santuari religiosi e il numero di presenze turistiche di stranieri.
    Con tale modifica i Comuni con popolazione inferiore a 10.000 abitanti, sede di Santuari (ad esempio il Comune di Cascia che ha 3.000 abitanti), sarebbero esclusi dal riconoscimento del contributo a fondo per le attività ubicate nei propri centri storici.
    L'emendamento proposto sopprime la modifica introdotta dal decreto sostegni, ripristinando le finalità originarie dell'articolo 59, comma 1, lettera a), del decreto-legge n. 104 del 2020, e conseguentemente la possibilità per le attività economiche e commerciali presenti nei Comuni con popolazione inferiore a 10.000 abitanti sede di Santuari di accedere al contributo a fondo perduto.

    © Franco Mirabelli
    2018-2019-2020-2021