• Blog
  • Diritto Alla Casa
  • Degrado

    I quartieri ERP

    Tre punti per contrastare le occupazioni abusive

    Il Decreto Sicurezza non cambia molto sul fronte delle occupazioni abusive delle case: alza le pene per chi occupa abusivamente gli alloggi.

    Molte azioni di contrasto alle occupazioni abusive si potevano già fare prima.
    Il tema vero da affrontare, però, è quello di prevenire le occupazioni e questo significa che bisogna mettere in sicurezza gli alloggi vuoti e lasciarli vuoti il meno possibile.
    Con la legge del 2014 sull’emergenza abitativa avevamo fatto uno stanziamento significativo per fare in modo che le piccole spese per le manutenzioni ordinarie, necessarie per rimettere a disposizioni dei nuovi inquilini gli alloggi, si facessero presto. Purtroppo il passaggio tra Governo, Regioni e Comuni o gestori è lunghissimo.
    Tuttavia la messa in sicurezza degli alloggi per evitare le occupazioni è la prima cosa da fare.
    Secondariamente bisogna colpire il racket. Gli arresti a Milano di questi giorni sono una buona notizia su questo fronte.
    Inoltre, c’è il tema degli sgomberi.
    g4A Milano si stanno facendo ma bisogna costruire alternative per chi ha bambini o situazioni di difficoltà. Le persone non vanno lasciate in strada ma il disagio non può diventare una scusa per occupare appartamenti. Bisogna fare in modo che quelle persone abbiano altre soluzioni e che ci siano strutture adibite per questo.

     

    Hanno ripreso questo argomento:

    - Mi-Lorenteggio: Case popolari, per fermare le occupazioni occorre non lasciare alloggi vuoti, colpire il racket e soluzioni per bisognosi»

    - Askanews: Prevenire occupazioni abusive, colpire racket»

    © Franco Mirabelli 2018-2019